Autorizzazioni per la costruzione di una piscina

Legge

Quando sono necessari permessi o autorizzazioni per costruire una piscina?

Sono sempre necessarie le autorizzazioni per la costruzione di una piscina? Qunado non servono?
La prima cosa di cui dobbiamo tener conto è che qualunque manufatto od opera sia stabile ha necessità di una autorizzazione.

Vuol dire che tutto ciò che non è facilmente rimovibile deve considerarsi “opera stabile”.
Un gazebo prefabbricato montato in un giardino è sicuramente rimovibile, ma se lo stesso gazebo avesse bisogno di plinti in cemento, muretti di contenimento ed altro, non potrà essere più considerato un manufatto rimovibile.

Quindi, in teoria una classica piscina fuoriterra è senza dubbio una opera rimovibile, ma se per il suo montaggio devo realizzare una platea in cemento armato, oppure desidero interrarla parzialmente o totalmente, oppure ancora realizzo rivestimenti esterni fissi, sarà difficile dimostrare la sua facile rimozione.

In pratica, non è solamente l’oggetto in se che determina la caratteristica di rimovibilità, ma anche l’insieme delle opere necessarie (o che desidero realizzare) per utilizzare l’oggetto.

Permesso a costruire? SCIA? DIA?

Se si vuole realizzare una piscina stabile nel tempo, cioè che non si debba smontare ad ogni fine stagione, è sempre necessaria una autorizzazione.

Il tipo di autorizzazione da richiedere dipende sempre dal regolamento edilizio del comune dove si dovrà costruire la piscina.
Non esiste una norma unica nazionale, questa materia è compito di ciascuna municipalità, per cui la prima cosa che si dovrà fare è recarsi agli sportelli preposti e chiedere semplicemente quale sia l’iter burocratico da seguire.
Probabilmente le pratiche da espletare le dovrà seguire un tecnico di fiducia, non tutto è possibile per il comune cittadino.

Anche quando si trattasse di una piscina rimovibile, occorre comunque fare molta attenzione, perché alcuni comuni non consentono la loro libera realizzazione, ed altri richiedono che venga inviata comunicazione all’ufficio tecnico, per eventuali controlli successivi.

In ultimo, alcune zone (moltissime in Italia) sono soggette a vincoli paesaggistici, ambientali, idrogeologici e altre limitazioni ancora che  richiedono di inoltrare pratiche a regioni o enti specifici (demaniali, militari, ecc.)
Insomma, come in tante altre materie, anche nel mondo della piscina ci sono vincoli e complicazioni burocratiche, spesso poco chiare, che allungano notevolmente i tempi di concessione o autorizzazione.

Serve tanta pazienza, un buon tecnico abilitato, e tempo.
Se volete fare il bagno a giugno, non pensateci a maggio, ma a gennaio… dell’anno prima.

Quindi la realizzazione di una piscina farà aumentare la classe catastale del mio immobile?

No, non necessariamente.

Affinché la realizzazione della piscina comporti un aumento della classe catastale dell’immobile, dovrà avere una superficie complessiva di oltre 80 metri quadrati.
Il che significa che dovrà avere una dimensione superiore a 10×8 ml o 12×7…

Ma anche in questo caso (cioè che la piscina abbia una superficie superiore a 80 mq) occorrono altri parametri nelle caratteristiche dell’edificio che lo classifichino in “abitazione di lusso”.
Ad esempio la presenza di un campo da tennis, oppure di ascensori interni, la superficie complessiva della casa ecc.
Le normative in vigore e le sentenze anche recenti, stabiliscono che è la somma dei parametri a definire la classe catastale e non un solo elemento.

E se costruisco la piscina senza richiedere nessuna autorizzazione?

“Nella mia zona non fanno nessun controllo…
Se aspetto che mi diano l’autorizzazione non farò mai la piscina…
Ma tanto è interrata, chi la vede?…
Mio cuggino dice che non serve…
Costa più richiedere il permesso che fare la piscina…”

Sono solo alcune delle frasi che spesso ci sentiamo dire ormai da anni nelle nostre giornate di lavoro.
In parte sono vere, ci vuole molto tempo e spesso le pratiche (del tecnico, del geologo, lo strutturista, ecc.) sono costose e lunghe.

Ma le conseguenze, una volta scoperti, sono molto peggio perché sfociano in una immediata denuncia penale e molto spesso in una demolizione forzata.

Tutti ci auguriamo che prima  poi la burocrazia italiana diventi più sopportabile, logica e veloce. Ma, nel frattempo, non sottovalutiamo le conseguenze delle nostre azioni.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp

Categorie Articoli tecnici

Scopri altri articoli

Manutenzione

Filtro a sabbia

Nella maggior parte delle piscine, sia private che pubbliche, il sistema di filtrazione più utilizzato è quello con filtro a sabbia. Da secoli la filtrazione

Legge
Leggi e norme

Autorizzazioni per la costruzione di una piscina

Quando sono necessari permessi o autorizzazioni per costruire una piscina? Sono sempre necessarie le autorizzazioni per la costruzione di una piscina? Qunado non servono? La

Vuoi confrontarti con esperti e appassionati del settore piscine?

Scopri il nostro forum